News e sicurezza

Videosorveglianza e Privacy

Sistemi integrati di videosorveglianza solo nel rispetto di specifiche garanzie per la libertà delle persone. Appositi cartelli per segnalare la presenza di telecamere collegate con le sale operative delle forze di polizia. Obbligo di sottoporre alla verifica del Garante privacy, prima della loro attivazione, i sistemi che presentino rischi per i diritti e le libertà fondamentali delle persone........  »

Nuove regole per il Reverse Charge dal 2015

La Legge di Stabilità 2015 (L. 190/2014, pubblicata sul supplemento n. 99 alla G.U. n. 300 del 29 dicembre 2014) ha previsto ulteriori ipotesi di applicazione del reverse charge, che, come noto, prevede il passaggio degli obblighi di assolvimento dell’IVA dal soggetto cedente/prestatore al soggetto cessionario/committente.  »

Agevolazioni fiscali 2015

Prorogate anche per tutto il 2015 le agevolazioni fiscali per chi installa un sistema di sicurezza  »

......Un po di sicurezza in pi non guasta mai...

Oggi i sistemi di controllo accesso sono sempre pi usati anche nelle applicazioni comuni di bassa sicurezza come ad esempio per l'apertura dei cancelli automatici residenziali e condominiali, elevando cos il livello di sicurezza di questi impianti. Naturalmente parliamo di sistemi entry level dove sono utilizzate solo alcune delle caratteristiche di sistemi ben pi evoluti, che permettono di ottenere comunque un buon rapporto qualit prezzo per l'utente finale. Di seguito proviamo a spiegarvi le caratteristiche principali di quelli da Noi proposti per telecomandi e chiavi di prossimit, rispettivamente i sistemi RXP e VRD.   »

Cancelli automatici.......facciamo un pò di chiarezza......

Se ne dicono tante sulla sicurezza dei cancelli automatici e veramente ne ho sentite tante. Ecco alcune domande e risposte che possono aiutare a far luce sul tema   »

Prima attivazione in rete.........

Attivato il primo impianto fotovoltaico da 4,76 Kwp.....  »

Decoder Digitale Terrestre

I Bollini DGTVi raddoppiano. A seguito del positivo esito dell’iniziativa Bollino Blu per decoder interattivi e Bollino Bianco per Tv integrati  »

Digitale Terrestre

ROMA - L'era della tv digitale terrestre e' iniziata stanotte a Roma e nel Lazio - con il passaggio di Raidue e Retequattro al nuovo sistema nella capitale e in 166 Comuni - senza particolari scossoni  »

Verifica delle forze d'impatto

In base alla legge Italiana attualmente in vigore, i "cancelli automatici motorizzati" rientrano a pieno titolo nella Direttiva Macchine 89/392/CEE  »

News

Digitale Terrestre

Lazio

Bene lo Switch over di Roma

16 giugno 2009
(ANSA) - ROMA - L'era della tv digitale terrestre e' iniziata stanotte a Roma e nel Lazio - con il passaggio di Raidue e Retequattro al nuovo sistema nella capitale e in 166 Comuni - senza particolari scossoni: sono 6.400 le chiamate arrivate oggi al call center messo a disposizione dal ministero dello Sviluppo economico, quasi tutte relative a problemi di sintonizzazione e con esito positivo. Resta pero' la questione dei bonus per l'acquisto dei decoder: su 130 mila previsti, ne sono stati erogati soltanto 4.110.
A tracciare un primo bilancio e' stato il viceministro alle Comunicazioni, Paolo Romani, con il presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo, il sindaco di Roma Gianni Alemanno e il presidente di DGTVi (l'associazione dei broadcaster interessati al passaggio al digitale), Andrea Ambrogetti. ''Tutto si sta svolgendo positivamente'', ha esordito Romani, che ha definito ''storico'' il passaggio di Roma, prima grande capitale europea, alla nuova tv e ha ricordato che lo switch over ha interessato tre impianti Rai e quattro Mediaset.
Restano pero' ancora a disposizione oltre 125 mila contributi da 50 euro messi a disposizione dal governo per l'acquisto di un decoder interattivo e riservati ai cittadini con piu' di 65 anni, un reddito annuo inferiore ai 10 mila euro e in regola con il pagamento del canone: ''Con l'Ufficio delle entrate - ha spiegato il viceministro - abbiamo calcolato che sono 130 mila gli aventi diritto, ma ad oggi alle 13 sono soltanto 4.110 i contributi erogati. C'e' ancora un larghissimo spazio: basta recarsi nei negozi abilitati con il codice fiscale ed e' gia' pronto l'elenco di coloro che possono usufruirne''.
Per quanto riguarda il call center (il numero verde e' 800 022 000), ha detto ancora Romani, ''negli ultimi venti giorni sono arrivate 220 mila telefonate dal Lazio, da questa mattina 6.400, quasi tutte relative a problemi di sintonizzazione e risoltesi con esito positivo''. Chi ha problemi puo' comunque rivolgersi, a sue spese, a un antennista: ''Ci auguriamo che i tecnici facciano riferimento - ha sottolineato il viceministro - al Codice etico messo a punto dalla Confartigianato e dal Cna (la Confederazione nazionale artigianato e piccola e media impresa, ndr)''.
Ambrogetti ha ricordato che ''prima del rush finale gia' sette famiglie su dieci nel Lazio erano in grado di ricevere il digitale e, in particolare, il digitale terrestre era presente nel 50% delle case. L'esempio di Torino (dove il nuovo segnale a meta' maggio, ndr) ci fa ben sperare: dopo lo switch over le famiglie digitali hanno toccato l'87%, con il 70% attrezzato per ricevere il digitale terrestre''.

27 maggio 2009

Al via la campagna di comunicazione regionale per il passaggio al Digitale TV del Lazio: prima tappa il 16 giugno

Arriva la nuova rivoluzione della televisione gratuita. Il 16 giugno Raidue e Retequattro si spengono in analogico e saranno visibili solo in digitale in tutte le province del Lazio, ad eccezione di alcuni comuni soprattutto nella provincia di Viterbo

Parte oggi la campagna regionale di comunicazione per il passaggio al digitale terrestre del Lazio, che si concluderà il 16 giugno 2009, promossa dal Consorzio Lazio TDT costituito da 46 emittenti locali operanti nella regione e sostenuto dal Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni.
I cittadini verranno informati mediante spot televisivi, una campagna ”web”, una campagna territoriale, oltre 150 pagine di annunci stampa su tutti i quotidiani nazionali con cronaca locale, sui quotidiani locali e sulle freepress. Per quanto riguarda gli spot saranno coinvolte 46 emittenti televisive locali con oltre 25.000 passaggi dal 27 maggio al 16 giugno. Per la campagna di comunicazione sul “web” è on-line il sito www.laziodigitale.tv che ospita gli spot trasmessi sulle emittenti locali, pubblica la lista di tutti i comuni coinvolti nello Switch Over e fornisce informazioni utili sul passaggio di Raidue e Retequattro in digitale. La campagna di comunicazione territoriale è promossa da ATAC (www.atac.roma.it) e dal Comune di Roma (www.comune.roma.it). Per il Comune di Roma, la campagna prevede circa 3000 manifesti, 2200 interventi di “infomobilità” e oltre 300.000 opuscoli informativi che verranno distribuiti in tutti gli uffici comunali. Per ATAC, prevede servizi di videocomunicazione sugli autobus e nelle stazioni della metropolitana. Inoltre, è prevista la distribuzione di 1.000.000 di opuscoli informativi nei punti vendita e nei centri commerciali della grande distribuzione.

Nella notte fra il 15 e il 16 giugno con il Lazio si raggiungerà un’altra tappa fondamentale nel processo di digitalizzazione della televisione italiana che verrà completato entro il 2012.
In tutte le province della regione, ad eccezione di alcuni comuni, si spegnerà infatti il segnale analogico di Raidue e Retequattro che, da quel momento, saranno ricevibili solo in digitale. Successivamente, fra il 16 e il 30 novembre 2009, verrà spento il segnale analogico di tutti gli altri canali presenti sul territorio e sarà possibile ricevere tutta l’offerta televisiva terrestre gratuita esclusivamente in digitale.
E’ possibile consultare la lista dei comuni coinvolti sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni (http://www.decoder.comunicazioni.it/) e sul sito www.laziodigitale.tv.

Da venerdì 22 maggio, inoltre, in tutti i territori interessati, Raidue e Retequattro trasmettono avvisi che informano i cittadini con un messaggio che annuncia che “Dal 16 giugno Raidue e Retequattro trasmetteranno esclusivamente in digitale terrestre. Per vedere i programmi occorre dotarsi di un decoder o di un televisore digitale terrestre. Per informazioni 800.022.000”.

Il numero verde segnalato è quello messo a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni (http://www.decoder.comunicazioni.it/) ed offre tutte le informazioni necessarie sul passaggio al digitale terrestre. È completamente gratuito ed è attivo dal lunedì al sabato (esclusi i festivi), dalle 8.00 alle 20.00.

La popolazione coinvolta, precisamente 4.500.000 persone, di cui 2.700.000 nella sola provincia di Roma, dovrà necessariamente dotarsi di un decoder per il digitale terrestre da collegare al proprio televisore, oppure di un nuovo televisore che, dal 3 aprile, si ricorda, è venduto solo se provvisto di decoder integrato.

Per agevolare la fascia economicamente più debole, il Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni ha predisposto un programma di contributi per l’acquisto del decoder digitale terrestre.
Per usufruire di tale contributo, consistente in uno sconto di 50 euro per l’acquisto di un decoder di tipo interattivo, sarà sufficiente recarsi presso i rivenditori autorizzati che lo applicheranno direttamente ai soggetti che soddisfano tutti i seguenti requisiti:

- Residenza in uno dei comuni coinvolti nello Switch-Over del 16 giugno 2009;
- Età uguale o superiore ai 65 anni (compiuti o da compiersi entro il 31/12/2009);
- Reddito uguale o inferiore ai 10.000 euro (riferito alla dichiarazione dei redditi per l’anno 2007);
- Prova dell’effettivo pagamento del canone televisivo dell’anno in corso.

I soggetti interessati, inoltre, non dovranno mai aver usufruito di precedenti contributi all’acquisto del decoder per il digitale terrestre e dovranno, al momento dell’acquisto, presentare un documento di identità, il proprio codice fiscale e la ricevuta di pagamento del canone televisivo.



« Back